Le mani di Airbnb sulla ristorazione: rilevata per 13 mln l’app Resy

Airbnb ha deciso di investire nel campo della ristorazione: dopo l’integrazione dell’app “Resy” si potranno suggerire prenotare ristoranti. Airbnb è sempre più integrata con servizi lontani dal suo core business iniziale, cioè quello degli appartamenti. Che i property mangers & owners ne risentano?

Sorgente: Le mani di Airbnb sulla ristorazione: rilevata per 13 mln l’app Resy

Airbnb la spunta fra i tulipani

http://blog.venicesplash.com/wp-content/uploads/2014/02/hand_shake.jpg

http://blog.venicesplash.com/wp-content/uploads/2014/02/hand_shake.jpgAirbnb è uno dei più grandi players sul mercato. Venicesplash ci collabora quotidianamente condividendo le vostre proprietà anche sulle sue pagine grazie al nosro multichannel. L’anno scorso Airbnb ha avuto noie con le autorità olandesi ed in particolare il Municipio di Amsterdam che non vedeva di buon occhio l’idea che centinaia di privati cittadini potessero allegramente affittare i propri appartamenti o stanze senza che vi fosse sopra  longa manus dell’autorità. La sharing economy non andava loro a genio. Da pochi giorni sembrano essere arrivati ad un’intesa, tutto sommato simpatica, nata dall’idea condivisa di contribuire a rendere la città sempre più ospitale con ogni mezzo anche grazie ai vacation rentals.

Se un abitate della ‘Venezia del nord’ affitta casa sua per meno di due mesi e comunque a non più di quattro persone per volta non ha problemi. Se sfora i due mesi diventa un’attività commerciale a tutti gli effetti.  Altra cosa intelligente rivolta a property managers & proprietari: alla fine dell’anno debbono munirsi di uno speciale modulo riguardante la tassa di soggiorno, fare il calcolo del dovuto a seconda delle prenotazioni effettuate e pagare. Vuoi mettere rispetto alla farraginosa Italia dove il povero proprietario deve inviare all’indomani di OGNI soggiorno i pochi euro di tassa di soggiorno al Comune con evidenti spese di commissioni e tempo e poi carte e burocrazie varie? Altrettanto logico potrebbe essere far pagare ad inizio anno una sorta di ‘tassa’ a ciascuna proprietà in base a localizzazione, metri quadrati o posti letto. Dopo di ciò il proprietario può ricevere tutte le prenotazioni che riesce ad avere. Senza preoccuparsi più di nulla.

Voi cosa ne pensate?