Il Ghetto di Venezia compie 500 anni

Appartamenti in affitto a Venezia vicino al Ghetto Cannaregio

Nato nel 1516, il ghetto ebraico di Venezia risulta il più antico e meglio conservato fra i quartieri ebraici del vecchio continente.

Il Ghetto si trova nel sestiere di Cannaregio ed è sede della Comunità Ebraica di Venezia da quasi 500 anni.

Fu costruito in seguito alle disposizioni del Governo della Serenissima e ancora oggi mantiene in perfette condizioni cinque sinagoghe, il museo ebraico e le sue altissime case: una città nella città.

Per continuare a conservare questa zona suggestiva di Venezia, è partita da New York un’imponente campagna internazionale di raccolta fondi a opera di Venetian Heritage, organizzazione non profit con sedi a New York e a Venezia che fa parte del programma Unesco – Comitati Privati per la Salvaguardia di Venezia. La campagna mira a raccogliere 12 milioni di dollari entro il 2016: un solo anno di tempo per raccogliere i fondi e ristrutturare il museo ebraico e tre sinagoghe, in occasione del 500° anniversario del ghetto.

Se non siete mai stati nel ghetto ebraico, non perdetevi questa meraviglia di Venezia!

La zona è suggestiva ed è distante dai consueti percorsi turistici.

VeniceSplash dispone di più di 10 appartamenti in affitto a Cannaregio, che vi permetterà di essere a due passi dal ghetto e scoprire come si divide in Ghetto novo, Ghetto vecio e Ghetto novissimo.

Tra i più apprezzati alloggi in affitto a Venezia vi segnaliamo Ca’ degli Ormesini e il Nido di Venezia.

Visitare Venezia con i Google Glass: è OK Venice!

Qual è il modo migliore per visitare Venezia? Perdendosi tra le sue calli, ovviamente. Ma così non rischiate di perdervi qualcosa?

Non temete! A breve ci penseranno i Google Glass a dirvi dove siete e cosa c’è intorno a voi, grazie ad una nuova app: OK Venice.

Niente da togliere alla magia della scoperta, perché OK Venice non è una semplice guida turistica, ma una vera e propria “esperienza” di riscoperta della città.

Si appoggia su due pilastri principali: la voglia di esplorare accompagnata allo storytelling. Basterà indossare i Google Glass e OK Venice vi guiderà, a piccole tappe, alla scoperta di Venezia.

Supportati da una mappa interattiva e georeferenziata, in prossimità di ciascuna tappa, verrete avvisati della presenza di un contenuto Glass-friendly e potrete andare alla ricerca del luogo/opera d’arte/edificio che vi viene segnalato. Grazie a una speciale user interface, ad ogni luogo verrà associata un’esperienza di esplorazione e approfondimento che trasforma ogni tappa in un’occasione di meraviglia.

L’app supporta sia la navigazione sul percorso predefinito che i meccanismi di interazione. I primi esperimenti sono stati fatti alla Madonna dell’Orto e le calli attorno, la Casa del Tintoretto, lo Squero dei Muti, Murano all’orizzonte e alla casa del cammello, intrecciando gioco e cultura in una specie di caccia al tesoro ricco di luoghi e monumenti insoliti. Una volta terminata la vostra avventura potrete rilassarvi in uno degli appartamenti vacanza in affitto a Venezia su Venicesplash. Non importa se avete esplorato il sestiere di Castello o se invece avete preferito l’affascinante Giudecca: un po’ come OK Venice, Venicesplash vi aiuta a scoprire il luogo migliore dove soggiornare nella città lagunare.

A partire dal 2015, le app saranno scaricabili dallo store online e l’esperienza di OK Venice potrà essere riprodotta in futuro in diverse città, ma anche all’interno di musei e spazi chiusi, replicando le dinamiche di engagement e di apprendimento con modalità ludiche. Non vediamo l’ora!